CAISiDoc – Il Sistema documentario del CAI

La Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano, specializzata sulle montagne di tutto il mondo, è rilevante per le raccolte in continuo aggiornamento e per le rarità bibliografiche. Dalla fondazione nel 1863, il legame tra scienza e alpinismo favorì una rete di scambi internazionali. Alla formazione delle raccolte concorsero doni dei soci, dell’Alpine Club di Londra e di altre società affini
Oggi conserva 39.000 monografie, 1484 testate di periodici con circa 20.000 annate, cartografia storica e corrente.
Le testate storiche del CAI digitalizzate sono fruibili liberamente su www.teca.digitale.cai.it.
L’archivio storico ha un inventario consultabile in forma sintetica su SIUSA.
La BN coordina BiblioCAI, rete di biblioteche sezionali gestite da volontari, nata nel 2000 per uniformare la catalogazione e valorizzare il patrimonio documentario sulla montagna.
Dal 2014 con il Museo Nazionale della Montagna ha realizzato CAISiDoc Sistema documentario dei beni culturali del CAI e assiste le oltre cento biblioteche sezionali aderenti al catalogo unico gestito dal sw Clavis, contenente 97.520 notizie arricchite da immagini allegate.
La BN CAI aderisce al CoBiS, Coordinamento delle Biblioteche speciali e specialistiche di Torino, istituito nel 2008 per promuovere una rete tra differenti realtà documentarie a vantaggio di un migliore servizio per le istituzioni e il pubblico e per sviluppare progetti innovativi.

A. Ravelli

Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano e Rete COBIS, Torino 

 

 

 

Alessandra Ravelli (Torino 1961), laureata in Lettere moderne con indirizzo storico presso l’Università di Torino nel 1986. Ha frequentato nel 1982-83 la Scuola di Paleografia, Diplomatica e Archivistica dell’Archivio di Stato di Torino; nel 1997 il corso “Catalogazione di base” dello CSEA – Regione Piemonte. Socia dell’AIB dal 1996, ha seguito numerosi corsi di aggiornamento professionale.
Dipendente dal 1992 del Museo Nazionale della Montagna, dal 2002 è responsabile della Biblioteca nazionale CAI e dal 2014 anche dell’Area Documentazione Museomontagna.
Nel 2018 ha svolto il turno di segreteria del CoBiS.
Ha collaborato con riviste specializzate come “Alp”, “Rivista della montagna” e “Lo Scarpone”. Ha scritto testi per le seguenti pubblicazione del Museomontagna: Il laboratorio dell’alpinismo (2002), Alpinismo (2004), Collezionisti di montagne (2014), Albert Smith, lo spettacolo del Monte Bianco (2018). Inoltre per Dall’orrido al sublime (Milano 2002) e Gli archivi e la montagna (CNR, 2014)