Dal locale al globale: Nilde e le biblioteche pubbliche

Nel 2005, al III Workshop Internet Document Delivery e cooperazione interbibliotecaria tenutosi a Pisa, un intervento congiunto dei colleghi di Chieti, Piacenza e Rimini dal titolo Va’ dove ti porta NILDE: biblioteche pubbliche tra bestseller e EDD, aveva già posto l’attenzione sui potenziali benefici reciproci di un accesso delle biblioteche civiche a NILDE. Da allora il numero di biblioteche di pubblica lettura aderenti al network è cresciuto e obiettivo di questo intervento è fare il punto della situazione. Dall’esame delle statistiche quantitative e qualitative emerge che le principali caratteristiche della “simbiosi” civiche-NILDE sono ancora quelle evidenziate nel 2005: da un lato l’ingresso, in un circuito storicamente accademico, di grandi patrimoni generalisti; dall’altro la possibilità per le biblioteche di pubblica lettura di offrire un servizio evoluto alla propria utenza più specialistica (nelle città universitarie tipicamente gli studenti), oltre all’opportunità di interagire con i patrimoni delle altre civiche ormai presenti nel sistema, cogliendo un’occasione per integrare la dimensione locale con quella globale, occasione che un servizio d’eccellenza nell’ambito del document delivery come NILDE non può non offrire.

C. Banducci

Biblioteca Gambalunga, Rimini

 

 

 

Lavoro presso la Biblioteca Civica Gambalunga di Rimini dal 2002. Mi  occupo, oltre che dei servizi di reference, del prestito interbibliotecario e del document delivery e sono gestore e redattore della pagina web della biblioteca www.bibliotecagambalunga.it e delle pagine social. Utilizzo  il software NILDE dal 2003 riconoscendone da subito l’utilità e l’importanza anche per le biblioteche civiche.  Dal 2013 al 2016 sono stato componente del Comitato Nazionale Biblioteche NILDE eletto nella rappresentanza delle biblioteche non universitarie e di ricerca.


A. Calvi

Biblioteca Civica Bonetta, Pavia

 

 

 

Sono bibliotecaria presso la biblioteca civica Carlo Bonetta di Pavia e direttore del Sistema Bibliotecario del Pavese Renato Sòriga. Mi sono sempre occupata di catalogazione di libri antichi e di reference. Ho fortemente voluto che la nostra biblioteca aderisse a NILDE perché da luogo fisico di conservazione di documenti diventasse un canale di trasmissione della conoscenza.


L. Ghisoni

Biblioteca Comunale Passerini-Landi, Piacenza

 

 

Sono bibliotecaria CAeB (Cooperativa Archivistica e Bibliotecaria) presso la Biblioteca Comunale Passerini-Landi di Piacenza, dove mi occupo principalmente di reference e servizi interbibliotecari. Come membro del Comitato Biblioteche NILDE attualmente in carica, il mio impegno è rivolto soprattutto alla promozione del servizio presso le biblioteche pubbliche.


S. Sironi

Biblioteca Sormani, Milano

 

 

 

Nasco nel 1972 a Cernusco sul Naviglio. Dopo un diploma di Liceo scientifico conseguito presso i Salesiani di Milano nel 1991, ho studiato Lettere all’Università statale di Milano, completando gli studi nel 1999 con una tesi sul Dominatus loci i e la giurisdizione ecclesiastica nel Milanese in epoca basso-medioevale, soffermandomi sul caso esemplare di Cologno Monzese.
Dopo un breve periodo di collaborazione col Dipartimento di Scienze della storia e della documentazione storica presso la stessa università, dal 2002 presto servizio presso la Biblioteca Comunale Centrale di Milano, sita a Palazzo Sormani, dove collaboro all’organizzazione del prestito locale e interbibliotecario. Utilizzo Nilde sin dall’adesione della Sormani, avvenuta nel 2016.